Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Assosementi: "Sì al genome editing per un'agricoltura più competitiva"

Lipparini: "Modificare la direttiva Ogm: una regolazione sbagliata può soffocare l'innovazione". Presentato ieri all'Università di Bologna il manifesto "Prima i geni", all'incontro organizzato dall'Associazione italiana sementi in collaborazione con Siga

Assosementi: "Sì al genome editing per un'agricoltura più competitiva" - Plantgest news sulle varietà di piante

Un momento dell'intervento del segretario generale di Assosementi Alberto Lipparini a 'Prima i geni'

Modificare la direttiva Ogm per liberare il futuro dell'agricoltura in Europa grazie a un uso consapevole e informato delle tecniche di genome editing. È questa la strada da seguire secondo quanto emerso ieri in occasione della presentazione del manifesto "Prima i geni", organizzata da Assosementi e Siga, Società italiana di genetica, e svoltasi nell'aula magna del polo didattico Navile dell'Università di Bologna.

"La sentenza della Corte europea di giustizia del 25 luglio che ha equiparato i prodotti ottenuti con le New breeding techniques agli organismi Ogm ha creato una frammentazione a livello internazionale - ha detto il segretario generale di Assosementi, Alberto Lipparini -. La comunità scientifica europea si sta mobilitando, ma intanto il resto del mondo prosegue in una politica di innovazione. È necessario dare un segnale anche dall'Italia".

Molti appelli sono stati lanciati negli ultimi mesi dal consesso internazionale dei ricercatori. L'ultimo è firmato dall'organismo di consulenza scientifica della Commissione europea (Scientific advisory mechanism, Sam) che ha sottolineato la necessità di "migliorare la legislazione europea in modo che rifletta lo stato attuale delle conoscenze e delle evidenze scientifiche" sul gene editing. Si è espresso per riaprire una discussione anche Vytenis Andriukatis, commissario alla Salute e sicurezza alimentare dell'Ue.

Lipparini ha spiegato: "Il genome editing consente di ottenere varietà come quelle che potrebbe produrre la natura. E che non sono Ogm". È proprio questo uno dei capisaldi del manifesto "Prima i geni", un dato di fatto scientifico che la sentenza della Corte Ue rischia di confondere. "Le nuove tecniche di miglioramento genetico (Nbts) - ha aggiunto Lipparini - possono produrre mutazioni analoghe a quanto si verifica spontaneamente in natura, e non vanno tutte assimilate al calderone del transgenico".

Concludendo Lipparini ha sottolineato che negli ultimi 15 anni gli agricoltori europei sono stati in grado di produrre dieci milioni di tonnellate di patate in più solo grazie all'innovazione vegetale e a oggi l'80% degli incrementi di produttività è dovuto a varietà migliorate e sementi di qualità, e ha aggiunto: "È necessario agire presto di fronte ai cambiamenti climatici e a una popolazione mondiale che nel 2050 sarà di dieci miliardi di bocche da sfamare. In futuro sarà sempre più importante conoscere la biologia delle piante nei meccanismi molecolari da modificare. Il manifesto 'Prima i geni' ha ribadito anche a Bologna che l'Italia e l'Europa devono cogliere una via all'innovazione per non restare fuori dai mercati e dal dibattito scientifico".

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

In questa sezione...

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Plantgest nella settimana precedente

Plantgest® è un sito realizzato da Image Line®