Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini
2017
30
come fare per...

Come diradare il melo?

Il video tutorial dei Salvi Vivai ti spiega come farlo
Come diradare il melo? - Plantgest news sulle varietà di piante

Tra giugno e luglio è il periodo per diradare manualmente le mele, per garantire la giusta quantità e qualità dei frutti

Fonte immagine: Agronotizie

Il diradamento è in frutticoltura una pratica fondamentale. Consente d'ottenere una produzione di qualità nell'anno in corso, ma anche di favorire un normale ritorno a fiore nell'anno successivo (normalizzando il carico produttivo della pianta). Anche nel melo questa tecnica ha grande importanza ed il periodo per farlo è tra giugno e luglio.

Ad oggi il modo migliore per operare, in un impianto intensivo, è quello di eseguire due interventi: una prima parte chimica e poi una seconda parte manuale per affinare il lavoro fatto precedentemente. Una nuova possibilità si è presentata negli ultimi anni con l’introduzione di una macchina diradante, per sostituire il diradamento manuale (decisamente più costoso e lungo). 

I Salvi Vivai di Ferrara ti spiegano come fare il diradamento attraverso un breve video tutorial. 
 
Michele Giori, tecnico di Salvi Vivai, ti spiega come diradare il melo (Fonte video: ©AgroNotizie)

"La strategia diradante da adottare nei diversi meleti - spiega Michele Giori, tecnico e commerciale di Salvi Vivai - deve tener conto della sensibilità varietale, delle condizioni metereologiche e dello stato della pianta. Per spiegarvi come eseguirla al meglio abbiamo scelto un impianto di Pink Lady® Rosy Glow* presso Runco di Portomaggiore (FE). Il sistema d'allevamento adottato è il fusetto, il portinnesto è l'M9 e la distanza delle piante è 1 metro lungo la fila e 3,5 metri tra le file. Nel nostro caso abbiamo scelto di effettuare un primo trattamento chimico ed una successiva fase manuale".

"Partiamo dall'operazione chimica -
continua Giori -. La sostanza attiva è il 6-benziladenina al 2% con un quantitativo di 5 litri/ettaro, effettuata quando il frutto centrale del mazzetto fruttifero ha raggiunto i 10 mm circa. La sua efficacia è influenzata dalle condizioni climatiche che si verificano durante l’applicazione e nel corso dei giorni successivi al trattamento. Per quest'anno (il 2017) le condizioni ambientali hanno permesso un ottimo risultato finale".  

"Arrivati a circa metà giugno - conclude Giori - si esegue una successiva fase di affinamento, attraverso un'operazione manuale. Ogni ramo di 1 cm circa di diametro, presente nella pianta, dovrà portare 4-5 mele. In questa fase togliamo i gruppi di mele che non sono caduti chimicamente e togliamo quelle mele particolarmente all'ombra. Cerchiamo di far si che la pianta produca al meglio sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo: per noi l'optimum sono 100-110 mele per albero.

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Plantgest nella settimana precedente

Plantgest® è un sito realizzato da Image Line®