Melone, uno dei simboli dell'estate

Il melone è una delle eccellenze ortofrutticole del made in Italy. Negli ultimi anni vive una situazione altalenante, tra problemi di clima e contrazione dei consumi. Tante però le novità che ne stanno permettendo il rilancio

Melone, uno dei simboli dell'estate - Plantgest news sulle varietà di piante

Il melone si sta rinnovando permettendo un rilancio del settore ed un maggiore reddito per gli agricoltori

Fonte immagine: © Max Straeten - Mourgefile

Il melone o Cucumis melo ed il cocomero sono i frutti dell’estate. A rivelarlo è un sondaggio lanciato da Deliveroo, la piattaforma leader nell’online food delivery. Entrambi appartengono alle Cucurbitaceae e sono ricchi d'acqua, vitamine e sali minerali: perfetti per rinfrescarsi nelle calde giornate e notti estive. L'andamento stagionale del 2021 ha sicuramente influenzato la loro produzione. Per il melone la stagione produttiva 2021 è iniziata con ottimo slancio nonostante le difficoltà climatiche dei mesi primaverili, che avevano portato gelate e pioggie che hanno rallentato lo sviluppo delle piante e la raccolta. "Abbiamo iniziato la raccolta dei meloni sotto serra - spiega il Consorzio melone mantovano Igp in un recente comunicato - all'inizio di giugno terminandola alla fine di giugno mentre in pieno campo le raccolte sono iniziate ai primi di luglio. La qualità del prodotto raccolto è in generale di alta qualità, con elevati valori organolettici e con il grado zuccherino non inferiore ai 12 gradi. Rispetto allo scorso anno abbiamo aumentato le superfici di meloni coltivati in campo aperto e questo ha generato un incremento dei volumi soprattutto nell’area del basso mantovano. L’obiettivo per quest’anno è di confermare, e possibilmente superare, le 7.200 tonnellate di produzione commercializzata nel 2020, arrivando ad almeno ottomila”. La situazione climatica degli ultimi giorni sta con rammarico portando danni alla coltivazione fuori campo di questo prodotto. 

Il clima incerto delle ultime due settimane ha inoltre influenzato negativamente i consumi. Anche se nelle scorse settimane l'andamento dei consumi era stato buono con un buon equilibrio tra domanda ed offerta e prezzi perlomeno accettabili. Ma cosa serve per coltivare il melone? In base al disciplinare di produzione del melone mantovano Igp la semina diretta può avvenire a partire dalla prima decade di aprile mentre il trapianto, effettuato su terreno pacciamato, si esegue dalla seconda metà di febbraio a luglio, utilizzando piantine franche di piede allevate in contenitore o piantine innestate su portainnesti resistenti alle malattie telluriche. La concimazione organica e minerale può essere effettuata sia in fase di preparazione del terreno che in copertura, in relazione al fabbisogno delle piante ed alla dotazione del terreno. L'irrigazione può avvenire sia con il sistema localizzata a manichetta o a goccia, oltre che per aspersione o infiltrazione da solchi.

 
Melone, le tipologie sono diverse: retato, retato cantalupo, liscio e giallo
Il melone è uno dei frutti simbolo dell'estate ed eccellenza del made in Italy
(Fonte foto: Pixabay) 


Dal punto di vista climatico è una pianta tipica dei climi caldi. Il suo seme inizia a germinare sopra ai 22-24 gradi. La temperatura ottimale per la crescita della pianta è intorno ai 25-30 °C. Teme le gelate ed i ritorni di freddo, anche quelli non troppo cruenti (ad esempio un abbassamento della temperatura sotto i 14 gradi circa). Richiede un terreno molto ricco di sostanze nutritive in genere, ricco di sostanza organica, tendenzialmente poco acido ed umido. Da un punto di vista nutrizionale è pianta potassofila, in quanto il potassio è importante per favorire la concentrazione zuccherina del frutto e produrre frutti di qualità. Attenzione anche ad un buon apporto di azoto, fosforo, calcio e magnesio. Richiede abbondanti irrigazioni, soprattutto nel periodo che va dalla formazione dei frutti al loro ingrossamento facendo attenzione ai ristagni idrici.
 

Ad ognuno il suo melone

Le tipologie di melone che vengono coltivate oggi in italia sono diverse. Per quanto riguarda il melone retato si inizia a raccogliere ad aprile in Sicilia per terminare ad ottobre in Emilia-Romagna e Veneto. Il melone liscio si raccogliere in Sicilia tra aprile e giugno mentre in Emilia romagna e Veneto si raccoglie da giugno a settembre. Il melone retato e liscio in Italia convive con la produzione più di nicchia del melone 'gialletto' o Amarillo (Yellow Canary in inglese) che si raccoglie in Sicilia a maggio giugno e poi da settembre ad ottobre, in Emilia Romagna e Veneto da luglio a settembre ed in Puglia da giugno a settembre. 

E quali sono le principali varietà oggi coltivate in Italia? Sono tante. La redazione di Plantgest ha chiesto alle aziende sementiere di segnalarci quali, all'interno del loro catalogo prodotti, rappresentano le maggiori novità commerciali. Di seguito indicheremo le sole aziende che hanno risposto e le varietà di melone che ci sono state segnalate. La Gautier Semences Italia segnala Sangory* F1, melone liscio per serra e tunnellino molto precoce, e Jenga* F1, Charentais retato per produzioni in pieno campo. La Nunhems Italy, appartenente al gruppo Basf, segnala Celestial* F1, Bernini* F1, Thesan* F1, Coliseo* F1 e Envero* F1. La Syngenta Seeds segnala Tarquinio* F1, Settimio* F1, Meridio* F1, Zen* F1 e Coctel* F1.

Autore: Lorenzo Cricca
© Plantgest - riproduzione riservata

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

In questa sezione...

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Plantgest nella settimana precedente

Plantgest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)