Abate Fétel: la ricerca sui portainnesti alternativi

Il 1° settembre 2022 si è tenuto, in tre aziende in provincia di Ravenna, un incontro per tecnici e produttori del settore sugli ottimi risultati ottenuti utilizzando Conference autoradicato come portainnesto

Abate Fétel: la ricerca sui portainnesti alternativi - Plantgest news sulle varietà di piante

Sono decine i pereti in Romagna realizzati su portainnesti con Conference autoradicato

Fonte immagine: Geoplant Vivai

I produttori di pere Abate Fétel, la varietà più diffusa in Italia con oltre il 60% del mercato, devono affrontare diverse difficoltà a livello agronomico: ridotta produttività, elevata vulnerabilità alla maculatura bruna e apoplessia, ovvero una sospensione improvvisa delle attività vitali responsabile della morte di alcune parti o dell'intera pianta. 

 

Per fare fronte a queste problematiche Geoplant Vivai, in collaborazione con la Fondazione Fratelli Navarra, si è concentrata nel testare portainnesti alternativi ai tradizionali Cotogni per rendere le piante più produttive e resilienti.

 

Gianluca Pasi, tecnico commerciale di Geoplant Vivai ha spiegato: "L'idea iniziale era di riscoprire i portainnesti abitualmente utilizzati prima dell'introduzione dei Cotogni. Abbiamo collaborato nella messa a dimora di prove e impianti su diversi portannesti franchi e alla fine i risultati più performanti fino ad ora sono stati ottenuti con il Conference autoradicato".

 

L'incontro tecnico

La giornata in campo organizzata giovedì 1° settembre 2022 per mostrare i diversi portainnesti, che ha contato oltre 60 operatori interessati provenienti da Emilia Romagna, Veneto e Piemonte, si è svolta tra i filari di tre diverse aziende in provincia di Ravenna: Azienda Bartolotti di Fusignano, Azienda Tazzari e Azienda Dosi entrambe di Bagnacavallo.

 

Si lavora a questo progetto da molto tempo: gli impianti visitati hanno infatti una decina di anni, ma ne esistono altri che superano anche i 25.

 

 

La visita si è svolta in tre aziende in provincia di Ravenna

La visita si è svolta in tre aziende in provincia di Ravenna

Fonte foto: Geoplant Vivai

 

Ad oggi sono decine i pereti, concentrati soprattutto nelle province di Ravenna e Forlì Cesena, realizzati su questo tipo di portainnesti con Conference autoradicato.

 

"Proprio su questi frutteti per questa stagione - ha concluso Pasi - si replicano le buone rese del 2021, attorno ai 350-400 quintali per ettaro. Inoltre, i frutti di Abate innestata su Conference autoradicato sono pomologicamente ben fatti, molto simili a quelli prodotti da piante innestate sui tradizionali Cotogni. Ulteriore nota positiva la conferma dell'ottima resilienza dei peri, ad oggi non soggetti né ad apoplessia né a maculatura bruna".

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

In questa sezione...

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Plantgest nella settimana precedente

Plantgest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2022)