come fare per...

Albicocco, cosa coltivare nel nord Italia?

La scelta del produttore verso piante di albicocco cresce. Tante però sono le varietà. La redazione di Plantgest ha chiesto a Stefano Foschi del Crpv di farci capire tendenze di mercato ed opportunità varietali per il nord Italia

Albicocco, cosa coltivare nel nord Italia? - Plantgest news sulle varietà di piante

Nel 2017 nel mondo sono state prodotte 4.257.241 tonnellate di albicocche, l'Italia è il terzo produttore con 266.372 tonnellate

Fonte immagine: © Psb Produccion vegetal

L'albicocco è una tra le piante frutticole che negli ultimi anni ha manifestato maggiore interesse da parte dei produttori, sempre di più alla ricerca di nuove opportunità imprenditoriali ed alternative credibili rispetto alla peschicoltura. In Italia infatti la tendenza è positiva, con un incremento del 2% circa per superfici coltivate dal 2013 ad oggi: per Istat gli ettari erano 18.999 nel 2013 mentre nel 2018 sono stati 19.307. La prima regione è l'Emilia-Romagna con 6.265 ettari e 627.112 quintali, seguita da Campania con 4.058 ettari e 594.440 quintali e Basilicata con 432.567 quintali e 3.758 ettari.

Al mondo l'Italia, dati Faostat 2017, è il terzo produttore con 266.372 tonnellate (superficie di 18.983 ettari) preceduta da Turchia con 985mila tonnellate (superficie di 125.049 ettari) ed Uzbekistan con 532.565 tonnellate (superficie di 41.711 ettari). Complessivamente sull'intero globo terrestre sono state prodotte 4.257.241 tonnellate su una superficie di 536.072 ettari.

Negli ultimi anni l'intenso lavoro di miglioramento genetico ha permesso d'immettere sul mercato un notevole numero di nuove varietà di albicocco, che ha sicuramente influito positivamente al rinnovamento del panorama varietale ed alla crescita del settore albicocchicolo.
 
Nirosa2, nuova varietà di albicocco cìbicolore distribuita da Geoplant Vivai

Nirosa 2*, varietà di albicocca bicolore distribuita in Italia da Geoplant Vivai e da altri vivai 
(Fonte foto: © Geoplant Vivai)

 

Ma quali piante offre oggi il mercato?

Diversi sono gli elementi su cui i breeder pubblici e privati hanno concentrato il loro lavoro ed i singoli programmi di miglioramento genetico. "Partiamo dall'ampliamento del calendario di maturazione - spiega Stefano Foschi, tecnico e ricercatore del Crpv di Cesena -: oggi è infatti possibile coltivare piante di albicocco, e produrre conseguentemente, da metà aprile in coltivazioni protette nel meridione, a fine settembre, con cultivar autofertili adatte alle aree settentrionali".

"Dal punto di vista del frutto oggi esistono tre tipologie di albicocche - prosegue Foschi -: classiche (colore giallo-arancio), bicolori (arancio con sovraccolore rosso più o meno esteso) e completamente rosse. Il mercato oggi però cerca principalmente le ultime due, mentre per le prime l'interesse è quasi scomparso. Un altro parametro molto importante è il sapore, che deve essere dolce, non eccessivamente acido ed aromatico".
Altri parametri su cui i breeder stanno lavorando sono: elevata e costante produttività, autofertilità, elevata pezzatura (>45 mm), lunga shelf-life, resistenza o tolleranza alle principali malattie virali e batteriche (ad esempio la Sharka).

 

Elenco delle varietà di albicocco

Per il 2019 non ci sono grandi novità rispetto agli ultimi due-tre anni. Di seguito una panoramica delle principali varietà classiche e bicolori oggi in commercio, dalla più precoce alla più tardiva per gli ambienti del nord Italia e del centro Italia. I dati che riportiamo sono frutto di test e sperimentazioni da parte dei principali Enti ed Istituti pubblici e privati in ambito frutticolo. La varietà di riferimento è Kioto*, che in Emilia-Romagna matura all'incirca il 20-25 giugno.
 
Rubista Carmingo, varietà di albicocco costituito da IPS-International plant selection

Rubista* Carmingo®, varietà di albicocco costituito da IPS-International plant selection
(Fonte foto: © IPS-International plant selection)
  

Wonder Cot* (-28): pianta di media vigoria, assurgente e non autofertile. Il frutto è di buona pezzatura, colore di fondo arancio, sovraccolore rosso ben esteso, e buon sapore dolce ed equilibrato. Buona tenuta in pianta;
Pricia* Carmingo® (-28 giorni da Kioto*): pianta di media vigoria, portamento standard-assurgente e autofertile. Frutto di buona pezzatura, colore di fondo arancio, sovraccolore rosso esteso sul 80-90% della superficie e con sapore tendenzialmente acido. Buona tenuta in pianta.
Tsunami® EA5016* (-26): pianta vigorosa, portamento standard, non autofertile. Il frutto è di medio-elevata pezzatura, colore di fondo arancio, sovraccolore rosso ben esteso, forma leggermente allungata, sapore dolce. Discreta tenuta in pianta;
Nirosa* (-25): matura qualche giorno dopo Wondercot, con frutto ovale colore arancio con sovraccolore rosso esteso e sapore dolce ed aromatico. Buona la shelf-life e la tenuta in pianta;
Nirosa 2* (-18): bicolore con precoce messa a frutto e autocompatibile. La pianta presenta media vigoria con portamento standard. Frutto rotondo con colorazione di fondo arancio e sovracolore rosso;
Monabri* Rougemont® (-16): varietà a maturazione intermedia (5/7 giorni dopo Blush® Rutbhat*) con medio-elevata produttività. L'albero presenta medio-elevata vigoria con una buona struttura facile da guidare. Il frutto ha una pezzatura medio-grande (2A/3A), forma oblunga con una colorazione rosso intenso. Molto attraente e dal buon sapore;
Flopria* (-10): pianta mediamente vigorosa, portamento standard-assurgente, autofertile. Il frutto è di media pezzatura, colore di fondo giallo intenso, sovraccolore rosso-rosa esteso sul 30-40% della superficie, sapore dolce ma con una leggera percezione acida. Buona tenuta in pianta;
Orange Rubis® Coloumine* (-8): pianta di medio vigore, portamento standard, autofertile. Il frutto ha elevata pezzatura, colore di fondo giallo-verde, sovraccolore rosso ben esteso, forma leggermente allungata e sapore dolce con bassa acidità. Ottima per filiere corte e non adatta alla raccolta in cassoni. Buona tenuta in pianta;

 
Albicocco, varietà Fuego distribuita dai Vivai Battistini

Varietà Fuego*, novità di albicocco rosso distribuita dai Vivai Battistini
(Fonte foto: © Vivai Battistini)


Kioto* (25 giugno, varietà di riferimento): pianta  di vigore medio, portamento standard, autofertile. Il frutto è di medio-elevata pezzatura, colore di fondo arancio, sovraccolore rosso luminoso sul 30-40% della buccia, forma rotonda, sapore equilibrato. Elevata tenuta in pianta;
Delice Cot* (0): pianta di medio-elevato vigore, portamento standard, autofertile. Il frutto ha pezzatura medio-grande, forma ovale-arrotondata, colore di fondo aranciato, sovraccolore rosso sul 50% della superficie, forma rotondo-allungata, sapore dolce ed aromatico. Buona tenuta in pianta;
Lady Cot* (+8): pianta di medio vigore, portamento standard, autofertile. Frutto di elevata pezzatura, colore di fondo arancio, sovraccolore rosso sul 50% della superficie, forma tonda-ollungata, sapore dolce. Buona tenuta in pianta;
Faralia* Carmingo® (+14): pianta di medio vigore, portamento standard, parziale autofertilità. Il frutto è di elevata pezzatura, forma leggermente allungata, colore di fondo giallo intenso, sovraccolore rosso esteso sul 30-40% della superficie, sapore mediamente dolce e con bassa acidità. Buona tenuta in pianta;
Swired* (+18): pianta di buon vigore, portamento standard, autofertile. Il frutto è di medio-grande pezzatura, forma ovale, colore di fondo aranciato, sovraccolore rosso intenso sul 40% della superficie, sapore molto dolce. Buona tenuta in pianta;
Farbaly* Carmingo® (+35): pianta di medio vigore, portamento standard, autofertile. Frutto di elevata pezzatura, colore di fondo giallo intenso, sovraccolore rosso estese sul 30-40% della superficie, forma leggermente oblunga, sapore dolce. Elevata tenuta in pianta;
Farbela* Carmingo® (+40): pianta vigorosa, portamento standard-assurgente, autofertile. Frutto di elevata pezzatura, colore di fondo arancio, sovraccolore rosso esteso sul 50% della superficie, forma oblunga, sapore tendenzialmente dolce. Buona tenuta in pianta;
Farlis* Carmingo® (+45): pianta di medio vigore, portamento standard, autofertile. Il frutto è di media pezzatura, colore di fondo giallo intenso, sovraccolore rosso esteso sul 40-50% della superficie, forma leggermente allungata, sapore tendenzialmente dolce. Elevata tenuta in pianta; 
Farclo* Carmingo® (+50): pianta di medio vigore, portamento standard, autofertile. Frutto di media pezzatura, colore di fondo giallo intenso, scarso sovraccolore rosso, forma leggermente allungata, sapore mediamente dolce. Elevata tenuta in pianta;
 


Albicocco, varietà Orange Rubis* distribuita da Vivai F.lli Zanzi

Albicocco bicolore, varietà Orange Rubis® Coloumine* distribuita da Vivai F.lli Zanzi (Fonte foto: © AgroNotizie)
 

Nell'albicocco il rosso piace 

La tipologia completamente rossa sta riscuotendo grande successo sul mercato e conseguentemente verso i produttori. "Molti sono gli editori che si stanno cimentando in questo mondo - conclude Foschi -. Dalle prime indagini di mercato però possiamo dire che il consumatore le percepisce come un prodotto diverso dall'albicocca tradizionale. Molte sono le aspettative, anche se al momento l'aspetto del sapore non appare allo stesso livello degli altri parametri. Per cui sarà necessario produrre varietà dal sapore nuovo, che si discosti da quello più classico".

Su Plantgest, facendo l'apposita ricerca, puoi vedere le principali proposte che il mercato attualmente presente: vai alla pagina della ricerca.

Autore: Lorenzo Cricca

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

In questa sezione...

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Plantgest nella settimana precedente

Plantgest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)