Cavolo di Bruxelles Brassica oleracea var. gemmifera

Cavolo di Bruxelles - Plantgest.com
Descrizione della pianta
Il cavolo di Bruxelles o Brassica oleracea L. var. gemmifera è un'ortaggio a ciclo lungo ed annuale, appartenente alla famiglia delle Brassicaceae o Crucifere. Il cavolo di Bruxelles è uno dei tanti cavoli che vengono coltivati: ricordiamo ad esempio cavolfiore bianco, cavolfiore viola, cavolo cappuccio verde, cavolo cappuccio rosso, cavolo verza e cavolo cinese. La pianta è originaria del Belgio ed è coltivata soprattutto in Europa. Sembra sia stato importato in Italia dalle truppe romane, che occupavano il territorio che oggi è rappresentato dal Benelux. Prende il nome dalla capitale del Belgio, Bruxelles appunto, dove pare sia stata selezionata questa curiosa varietà di cavolo.

Ultime varietà in commercio

Cerca le varietà di cavolo di bruxelles
 oppure  Vai alla ricerca avanzata
Il cavolo di Bruxelles è una varietà di Brassica oleracea (il suo nome è Brassica oleracea var. gemmifera) dal ciclo annuale. Presenta una radice a fittone dalla quale si sviluppano diverse radici secondarie che possono approfondirsi oltre i 50 cm. Presenta un fusto eretto ed alto fino a 1 metro, che termina con un ciuffo di foglie a palla floscia. Lungo il fusto altre foglie portano all'ascella germogli a forma di glomeruli arrotondati (cavolini), in numero di 25-30.
I cavoli di Bruxelles possono essere coltivati su diversi tipi di terreni, anche se i più adatti sono i quelli argilloso-calcarei e limo-calcarei. Il terreno deve essere ben drenato, ricco di sostanza organica e con pH neutro. La pianta resiste bene alle basse temperature: sopravvive anche a -12 °C, e non ha particolari esigenze da un punto di vista agronomico, se non irrigare durante la stagione calda.
Il cavolo di Bruxelles viene prodotto esclusivamente in pieno campo. Il tempo di coltivazione è di circa 6-8 settimane. Inizialmente viene seminato tra marzo e metà maggio, in vivaio, per essere poi trapiantato con pane di terra quando le piantine hanno raggiunto l’altezza di 20-25 cm. Le distanze tra le piantine sono di circa 50 cm sulla fila e di circa 60 cm tra le fine, eliminando le piantine con l’apice vegetativo assente o deformato e quelle gracili. Per garantire delle produzioni precoci (agosto-settembre), la semina viene anticipata di un mese. Può essere utile realizzare una pacciamatura. In linea generale non distribuire concimi organici troppo ricchi d’azoto, in quanto le piccole teste globose dei glomeruli o 'cavoletti' tenderebbero a rimanere piccole ed aperte. Da effettuare irrigazioni al trapianto e nella fase d'ingrossamento dei glomeruli.
La produzione va da agosto-settembre fino al marzo dell'anno successivo, con rese di 1-2 kg/mq. Si comincia dai cespi alla base, quando raggiungono 2-3 cm di diametro. Per le varietà tardive si possono attendere le prime gelate, che migliorano la qualità dei cespi.

 
I cavoletti di Bruxelles apportano circa 30 calorie ogni 100 gr e presentano un buon contenuto in ferro, fosforo, potassio, calcio, vitamina C, vitamina A e fibra. I cavoletti hanno azione antiulcera, antianemica, disintossicante.

 
Valori nutrizionali per 100g di prodotto fresco
Acqua 77.00 g
Carboidrati 4.20 g
Zuccheri 3.30 g
Proteine 4.20 g
Grassi 0.50 g
Colesterolo 0 g
Fibra totale 5.00 g
Sodio 4.00 mg
Potassio 450.00 mg
Ferro 1.10 mg
Calcio 51.00 mg
Fosforo 50.00 mg
Vitamina A 220.00 µg
Vitamina B 1.64 mg
Vitamina C 81.00 mg

News correlate


Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Plantgest nella settimana precedente

Plantgest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)