Cavolo cappuccio Brassica oleracea var. capitata

Cavolo cappuccio - Plantgest.com
Descrizione della pianta
Il cavolo cappuccio o Brassica oleracea var. capitata è pianta orticola della famiglia delle Brassicaceae. E' originaria, come quasi tutti i cavoli, del bacino Mediterraneo. In Italia è coltivato principalmente al centro-sud. È una pianta erbacea a ciclo biologico biennale in natura, ma annuale se coltivata. Presenta foglie liscie che formano una testa globosa e compatta detta 'palla'. Queste 'palle' del cavolo capuccio possono essere consumate crude o cotte. Una delle principali ricette è il 'cavolo acido' o crauti, tipico del Trentino e dei Paesi del centro-nord Europa.
Cerca le varietà di cavolo cappuccio
 oppure  Vai alla ricerca avanzata
Il cavolo cappuccio o Brassica oleracea var. capitata L. è pianta orticola ed erbacea appartenente alla famiglia delle Brassicaceae ed al gruppo dei cavoli. Presenta una radice fittonante non molto profonda. È una pianta a ciclo biologico biennale, ma annuale se coltivata. Presenta foglie liscie che formano una testa globosa e compatta detta 'palla', che diventa la parte usata per consumo alimentare. I fiori sono gialli e, dopo la fecondazione, danno luogo alla formazione di una siliqua che porta numerosi semi rotondi di colore nero-bluastro.
Il cavolo cappuccio è una pianta rustica che resistente al freddo. Predilige terreni profondi, fertili, ben drenati e ben esposti al sole. Le alte temperature e l'aridità possono danneggiarlo, per questo motivo preferisce il terreno mantenuto umido con irrigazioni moderate ma frequenti. Il pH preferito va dal subacido al subalcalino.
Ha bisogno di irrigazioni frequenti e moderate, soprattutto nei periodi più siccitosi. Durante i periodi più piovosi bisogna ridurre gli interventi per impedire un eccesso di acqua e umidità che possono risultare dannosi.
La raccolta del cavolo cappuccio è manuale e scalare. Avviene generalmente 100-200 gg dopo la semina che in campo aperto è tra aprile e ottobre a seconda della varietà e dell'ambiente. La parte che viene raccolta è la 'palla'. Non esiste una vera e propria fase di maturazione. Il parametro su cui ci si basa è la dimensione soddisfacente.
Il cavolo cappuccio è ricco di acqua, fibre, beta-carotene, antiossidanti, potassio, ferro e calcio. Si trovano anche sodio, fosforo, Vitamina A, vitamina B1, vitamina B2, vitamina C. Ha pochissime calorie (20 kcal su 100 gr). Durante la cottura, come tutti i cavoli, sprigiona un forte odore causato dalla presenza dello zolfo.

 
Valori nutrizionali per 100 g di prodotto fresco:
Calorie 25.00 kcal
Proteine 1.30 g
Vitamina A 98 IU
Vitamina B6 0.10 mg
Vitamina C 36.60 mg
Calcio 40.00 mg
Ferro 0.50 mg
Magnesio 12.00 mg
Sodio 18.00 mg
Potassio 170.00 mg
Zinco 0.18 mg
Acqua 86.00 g
Grassi 0.10 g
Carboidrati 6.00 g
Fibra alimentare 2.50 g
Zucchero 3.20
Fitosteroli 11.00 mg

News correlate

2019
20
Peperone, coltivazione sempre più al top
Peperone, coltivazione sempre più al top - Plantgest news sulle varietà di piante

Questa pianta orticola è sempre più presente sulla tavola degli italiani. La sua coltivazione si sta specializzando sempre di più. Per capire il cambiamento del peperone abbiamo intervistato Giorgio Prosdocimi Gianquinto dell'Unibo e Vincenzo Mondello dell'Enza Zaden

Leggi tutto


Ultima discussione sul forum

Peronospora cavolo cappuccio?????

Quale p.a. utilizzate più frequentemente contro questa avversità e che ritenete più efficace? Vista la mia esperienza sono veramente pochi i sistemici efficaci...

Rispondi

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Plantgest nella settimana precedente

Plantgest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)